Come «collezionisti» di movimenti, Laura Simi e Damiano Foà viaggiano dentro e fuori dal corpo, luogo di metamorfosi. Gli stati emotivi in movimento, la danza come esperienza di fragilità, come uno spazio aperto agli incidenti della vita, la “poeticizzazione” degli impulsi del nostro tempo, la resistenza delle persone come forza creativa e come la danza rivela e comunica condizioni e scritture cinetiche, sono argomenti di ricerca cari a Silenda.

Nel 1993, Laura Simi e Damiano Foà fondano la compagnia Silenda. Essa ha ricevuto numerosi premi tra cui il Primo Premio per il miglior solo al Concorso/Festival di Cagliari nel 1992 e il Gran Premio SACD per giovani autori al Rencontres Chorégraphiques Internationales de Seine-Saint-Denis nel 1994. Silenda è stata in tournée in Francia, Italia, Portogallo, Spagna, Corea, Giappone…

La compagnia ha partecipato a tre edizioni di Skite (Cantiere internazionale d’artisti) dove ha incontrato tra gli altri Meg Stuart, Alan Platel, Sonia Léontieff, Olivier Dubois.

Il repertorio di Silenda comprende, tra gli altri spettacoli, Continuum, Shut Up!, Titre Inachevé, Prélude e Anima, quest’ultimo creato a Montreal nel 2016, in collaborazione con Sonia Léontieff. Sonore, che esplora l’influenza del suono sul comportamento del corpo, è stato presentato a Falaise al Festival La Danse de tous les sens nel 2017.

Continuando a nutrire scambi e collaborazioni reciproche nelle rispettive creazioni, Laura e Damiano hanno intrapreso negli ultimi anni un percorso di scrittura coreografica più individuale. Nel 2018 Damiano ha realizzato il solo Portrait all’Artothèque de Caen. Nel 2019 Laura crea il solo Fenomeno e nel 2020 The Loud Atlas scritto insieme al musicista Maurizio Ravalico.

BIO

LAURA SIMI Nata in Toscana si è formata prima alla danza classica e poi, alla scuola CSD di Firenze, ad altre forme di danza, in particolare ha studiato il repertorio classico e barocco. Si è diplomata all’Istituto d’arte di Firenze, in Moda e Costume. Ha poi continuato la sua formazione negli Stati Uniti con Martha Graham, Alvin Nikolais e ha lavorato a New York con il coreografo Richard Haisma e alcuni ballerini di Merce Cunningham. Quindi, è entrata a far parte della compagnia Imago in Italia. Ha incontrato Kazuo Ohno a Venezia e seguito un seminario con lui. In Francia ha lavorato con diversi coreografi: Brigitte Asselineau, J-P. Perreault (Quebec), Fattoumi/Lamoureux, Santiago Sempere … Nel 1993 fonda la comagnia Silenda con Damiano Foà. Insieme hanno ricevuto numerosi premi tra il Gran Premio SACD per giovani autori al Rencontres Chorégraphiques Internationales de Seine-Saint-Denis nel 1994. Sono stati in tournée in Francia, Italia, Portogallo, Spagna, Corea, Giappone… Attualmente risiede a Caen e lavora in diversi luoghi della Normandia. Con Damiano Foà ha creato più di quindici spettacoli coreografici e performance. Laura ha approfondito la sua ricerca attraverso laboratori coreografici e scambi artistici multidisciplinari. Nel 2017 ha concepito Sonore. A Firenze, la performance Rock’s è stata programmata nel 2018 al Festival Uffizi Live. Ha creato Fenomeno nel 2019 al Festival Signes d’Automne al Regard du Cygne a Parigi.

MAURIZIO   RAVALICO
Nato nel 1963 a Trieste, in Italia. Musicista autodidatta durante l’infanzia e adolescenza, suonava la batteria, la chitarra, cantava e coltivava la sua passione per le percussioni costruendo i suoi propri strumenti e collezionando ogni sorta di oggetti che producono suoni. Dopo i suoi studi di architettura e design a Trieste parte per La Havana, Cuba, e tra il 1989 e 1991 intraprende un periodo di formazione intensiva in percussioni, con Tomas “el Panga” Ramos, Los Chinos, Changuito e tanti altri. Installatosi permanentemente a Londra nel 1991 si afferma velocemente come musicista free-lance; diventa percussionista del gruppo Jamiroquai, poi del James Taylor Quartet, Dennis Rollins, Mike Smith, Jessica Lauren e collabora a vari progetti di musica afro-cubana con Jesus Alemani, Snowboy, Tumbalto, Afroshock.

Dal 2010 Berlino è la sua seconda casa; qui presenta concerti e performances in solo o con musicisti della scena sperimentale berlinese. Nel 2014 crea il trio Fiium Shaarrk con Isambard Khroustaliov e Rudi Fischerlehner; il loro secondo album, We are Astonishingly Lifelike è stato incluso nella lista dei migliori 12 album del 2017 di BBC3 Late Junction.

Nel 2018 pubblica l’album per sole percussioni Nobody’s Husband, Nobody’s Dad.

Sito internet www.maurizioravalico.com

Intervista https://youtu.be/bthByULAT6Y

 

Spettacoli e laboratori di Silenda